albero raccoglitore

 Direzione generale dei rami e diritti diversi

Livello di descrizione: fondo
Consistenza:  regg. e bb. 7.000 ca
Estremi cronologici:  (1819-1865, con docc. dal 1811 e allegati dal sec. XVIII)
Mezzi di corredo:  Inventario parziale

Nota archivistica
Si segnalano le sole serie ordinate. Restano non ordinati altri 4.000 pezzi circa

informazioni storico-istituzionali

soggetto produttore
Direzione generale dei rami e diritti diversi, Palermo
Nota storica
Istituita con decreto l° giu. 1819  [Collezione regno Due Sicilie, 1819, n. 1605]  amministrava il registro, le ipoteche, le spese di giustizia e i diritti di cancelleria, oltre ai lotti, alla zecca di Palermo, ai banchi di Palermo e Messina, ai proventi della crociata (vedi Amministrazione della crociata ) e ad altro. Dal 1824 (decreto del 18 ottobre)  [Ibid., 1824, n. 1278]  l'ufficio assorbì le funzioni già svolte dalla soppressa direzione generale del demanio e, provvisoriamente, quelle della direzione generale dei dazi diretti, fino alla istituzione di un ispettore generale (decreto 8 ag. 1833)  [Ibid., 1833, n. 1657]  e poi alla costituzione di direzioni provinciali delle contribuzioni dirette dipendenti direttamente dal ministero delle finanze in Napoli (decreto 29 ott. 1842)  [Ibid., 1842, n. 7891] 
Dalla direzione generale dipendevano le direzioni provinciali dei rami e diritti diversi dopo la loro istituzione nel 1827.

vai sul padreprecedenteprossimovai al primo figlio
vai